FANDOM


Il kimono da uomo (男の着物 - otoko no kimono) è totalmente differente da quello da donna pur conservando la tipica forma a T di questo tradizionale capo d'abbigliamento giapponese!


Img 1

Un kimono da uomo indossato.

La prima cosa che contraddistingue il kimono da uomo da quello da donna sono le tinte scure con colori quali nero, blu navy, marrone, verde bottiglia, grigio, cachi, antracite, rosso bordeaux ecc, che spesso danno kimono a tinta unita totalmente privi di fantasie e disegni; o qualora fossero presenti si tratta di piccole decorazioni in fantasie geometriche presenti su tutta la superficie del capo, ma è estremamente rara come cosa, poiché prevale la tinta unita! Questa cosa però viene compensata con la presenza di decori e motivi nella fodera interna dei kimono, che vanno ad arricchirlo e ad aumentarne il pregio. Anche se vi sono delle eccezioni in cui possiamo trovare kimono da uomo dai colori sgargianti e riccamente decorati (e in questo caso non abbiamo le fodere interne decorate), ma sono solamente quelli per il teatro, la danza, i lottatori di sumo o gli spettacoli televisivi. Altra caratteristica del kimono da uomo è la lunghezza, che a differenza di quello da donna dove è più lunga dell'altezza della persona per consentire di fare l'Ohashori, è invece pari all'altezza della persona che lo indossa, poiché non si fa mai l'Ohashori; come anche il collo poi che non viene tirato all'indietro per lasciare la nuca scoperta, e che non è largo come nel kimono da donna poiché non va doppiato ripiegandolo su se stesso all'interno. Un'altra caratteristica molto importante nel kimono da uomo sono le maniche, che presentano due cose che lo differenziano in modo sostanziale da quello da donna; e cioè che sotto alle ascelle anziché essere aperte sono cucite, questo perché non necessitando dell'ohashori in vita non vi è bisogno di poterci infilare le mani per accomodare il tessuto in eccesso. Altra cosa è la lunghezza manica, più corta che in quello da donna, presentandosi inoltre con gli angoli ben diritti senza smussature o stondature.

4aa76d228973662193b158d699166efd

La fodera interna finemente decorata di un kimono da uomo

Anche il kimono maschile viene chiuso in vita con l'Obi, che in questo caso è del tipo chiamato "Kaku" che viene portato a vita bassa e annodato molto spesso col tipico nodo "Kai no Kuchi" 貝の口, anche se vi sono altre tipologie di nodi quali il Katabasami o l'Hakamashita/Ichimonji che si porta sotto agli Hakama. Infine il kimono maschile non presenta tutte le varie tipologie come avviene per quello femminile, ma si può dire che abbia una catalogazione dei vari abbinamenti in base alla formalità, e che anche questo caso vi sono i Kamon, cioè gli stemmi di famiglia impressi su spalle e schiena a determinarne la maggiore o minore formalità in un capo; e che si trovano prevalentemente nel Kuro Montsuki o nell'Iro Montsuki. Molto spesso i kimono da uomo sono corredati dall' Haori ton sur ton, anche questo rigorosamente in colori scuri e chiuso con l'Haori Himo. Questo tipo di abbinamento però è riservato per le occasioni più formali quali matrimoni, lauree e altre cerimonie in grande stile. Ultima cosa, anche con il kimono da uomo gli accessori quali Tabi e collo del Nagajuban sono colorati (con colori scuri naturalmente) per le occasioni informali e bianchi invece per quelle più formali. Ai piedi invece si calzano i Setta o gli Zouri da uomo.

Il kimono da uomo nonostante non presenti le tipologie ben distinte come avviene col kimono da donna può essere suddiviso in varie categorie di abbinamenti in base alla formalità e occasioni d'uso, e che sono le seguenti in ordine di formalità: