FANDOM


Obi (帯, おび), ovvero letteralmente cintura. Essa altri non è che la cintura del Kimono e che si lega in con varie tipologie di nodi. L'Obi è anche la cintura per il Keikogi, cioè il Kimono in uso per le arti marziali.

Caratteristiche

Gli Obi sono classificati a seconda del decoro e dei materiali con cui sono realizzati, e sono queste cose a conferirne più o meno formalità, ci sono così molti tipi di Obi, la maggior parte dei quali da donna, e possono essere larghi e realizzati in broccato oppure più stretti e in materiali meno pregiati, più semplici da indossare per la vita di tutti i giorni. Quindi gli Obi più larghi e riccamente decorati sono i più formali, e man mano che si assottigliano e si fanno meno ricchi nei decori minore si fa anche la loro formalità. Gli Obi più elaborati e più colorati sono per le giovani donne non sposate, mentre man mano che l'età di una donna avanza i colori si fanno più spenti e i decori più sobri.

Storia

Agli albori della sua comparsa l'Obi era costituito da una semplice corda della larghezza di circa 8 centimetri che si annodava semplicemente in vita, e non vi erano grandi differenze fra Obi maschili e femminili. All'inizio del 17 ° secolo, sia donne che uomini portavano un Obi a nastro. Prima del periodo Edo, che ha avuto inizio nel 1600, le vesti Kosode per le donne venivano chiuse con una fascia sottile stretta sui fianchi, poiché il modo in cui erano cucite le maniche lungo tutto il tronco del capo avrebbe impedito l'uso di un più largo tipo di cintura. Quando le maniche del Kosode cominciarono a farsi più lunghe all'inizio del periodo Edo, anche l'Obi stesso si allarga. E questo per mantenere l'equilibrio estetico fra Obi e Kimono. Ma fu nel 1680 che la larghezza degli Obi da donna aveva già raddoppiato la sua dimensione originale. Nel 1730 Obi da donna erano ulteriormente aumentati nella misura, arrivando a ben 25 centimetri circa di larghezza, e alla fine del 19 ° secolo arrivarono addirittura ai 30 centimetri; e fu così che nastri e cordoni separati divennero necessari come ausilio per tenere l'Obi in posizione. Mentre per l'Obi da uomo il suo massimo splendore si ebbe nel 1730 circa, arrivando a misurare 16 centimetri.

Originariamente tutti gli Obi venivano portati col nodo davanti. Successivamente la moda ha cominciato a influenzare la posizione del nodo, e fu così che si iniziò a portare gli Obi col nodo a lato o sul retro. Come l'Obi si allargò anche i nodi si svilupparono divenendo più grandi e ingombranti e facendosi più sofisticati ed elaborati. Alla fine del 17 ° secolo gli Obi venivano annodati nella parte posteriore. Tuttavia, questa usanza non si affermò del tutto prima dell'inizio del 20 ° secolo.

Obi da donna

L'Obi da donna viene piegato in due quando si usa, di modo da ottenere una larghezza dai 15 ai 20 centimetri circa. Questo perché si ritiene elegante che la larghezza piegata sia in armonia con le dimensioni del corpo di chi lo porta, ossia circa un decimo della sua altezza. La larghezza dell' Obi invece viene lasciata tale solo nel nodo decorativo dietro. Un Obi da donna viene annodato con varie tipologie di nodi di fantasia, e ognuno dei quali e studiato per le diverse occasioni d'uso. Vi sono i nodi standard, ma ve ne possono essere anche di meno convenzionali. Inoltre va specificato che i nodi cambiano a seconda dell'età, dello stato sociale o del tipo di Kimono con cui si porta. Ad esempio i nodi in uso coi Furisode per le giovani donne non sposate differiscono dai nodi portati dalle donne sposate con i Kimono a manica più corta, e così via.

Obi-0

Schema con le misure dei vari tipi di Obi da donna

Qui di seguito alcune delle principali tipologie di Obi in uso oggigiorno coi Kimono:

Altri due termini che si usano quando ci si annoda un obi sono: Tesaki 手先 (o Te) è l'estremità stretta (piegata in 2 rispetto all'ampiezza dell'obi), da dove si comincia ad avvolgere l'obi attorno alla vita; Taresaki 垂れ先 (o Tare) è l'estremità che rimane una volta avvolto l'obi 2 volte attorno al corpo, ad ampiezza normale, e che andrà a costituire la maggior parte del nodo decorativo, o Musubi.

Obi da uomo

Gli Obi formali indossati dagli uomini sono molto più ristretti rispetto a quelli da donna (la larghezza raggiunge un massimo di circa 10 centimetri). L'Obi maschile viene annodato in modo molto più semplice di quello da donna. Viene avvolto intorno al corpo portato a vita bassa (sotto lo stomaco) e legato con nodi più semplici nella parte posteriore.

Qui di seguito alcune delle principali tipologie di Obi in uso oggigiorno coi Kimono:

Obi-

Schema con le misure dei vari obi da uomo

Obi per bambini

I bambini si vestono in Kimono soprattutto per la celebrazione Shichi-Go-San (Sette-Cinque-Tre), ovvero quando le bambine di età compresa tra tre e sette anni e i bambini di età di cinque iniziano a portare l'Obi. I kimono per bambini sono simili a quelli degli adulti e I loro accessori sono versioni in miniatura di quelli adulti. Per quanto riguarda gli Obi quelli per bambini sono pochi e per lo più coi nodi pre costruiti, avendo i bambini poca voglia di stare fermi a farsi vestire, mentre i bambini più piccoli portano un tipo di Obi morbido simile all'Heko.

Qui di seguito le principali tipologie di Obi per bambini:

Obi nelle arti marziali

Obi karate

Obi in uso nelle arti marziali giapponesi

Molte arti marziali giapponesi fanno uso di Obi come parte del loro abbigliamento. Questi obi sono spesso realizzati in cotone pesante della larghezza di 5 centimetri circa, e sono annodati col nodo Koma mentre per le discipline dove si usano gli Hakama sono previsti altri tipi di nodi. Inoltre solitamente nella maggior parte delle arti marziali il colore dell' Obi cambia man mano che il livello di abilità evolve, ad eccezione delle discipline con gli Hakama, dove il colore dell' Obi non ha alcun significato.